Lavori dell’Ospedale di Mapinga, aggiornamento (Giugno 2024)

Grazie al finanziamento della Fondazione Prosolidar, proseguono i lavori di realizzazione delle finiture del piano terra del nostro Ospedale di Mapinga. Quest’anno la grande stagione delle piogge è stata particolarmente violenta e ha visto il passaggio del ciclone Hidaya. In genere la stagione delle grandi piogge si conclude a fine maggio ma quest’anno, probabilmente a causa del cambiamento climatico in atto, si sono verificati improvvisi e violenti temporali anche durante il mese di giugno. Grazie a Dio, non si sono verificati danni a cose e a persone ma a causa di questo imprevisto, proprio in questi giorni, l’approvvigionamento di materiale e il passaggio del camion dell’impresa edile risulta problematico. Purtroppo questo determina un rallentamento dei lavori ma non ci scoraggiamo e procediamo seppur più lentamente, con ciò che è possibile portare avanti all’interno del cantiere. Dopo l’intonacatura, l’impianto idrico, l’impianto elettrico, la verniciatura in atto, attendiamo l’arrivo del materiale per poter completare con la posa in opera della pavimentazione e degli infissi in alluminio. Non vediamo l’ora e ringraziamo anche gli operai che stanno lavorando con grande impegno e dedizione, consapevoli del bene immenso che questo servizio sanitario porterà migliorando la salute della popolazione locale.

Stay tuned!!

Dal presepe vivente di San Faustino un aiuto per costruire un ospedale in Africa

Aid For Life - Ospedale di Mapinga - Tanzania

Dal presepe vivente della solidarietà duemila euro per la costruzione di un ospedale in Africa, nel villaggio di Mapinga (Tanzania). Ieri al termine della messa nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù al Pilastro la consegna di un maxi assegno simbolico (e poi della relativa somma) da parte di don Flavio Valeri e di tutta la parrocchia del Sacro Cuore nelle mani della presidente dell’associazione “Aid for life onlus”.

“Con la somma raccolta contribuiremo a un buon numero di mattoni per realizzare questa struttura sanitaria che servirà migliaia di persone”, ha sottolineato don Flavio, facendo poi ricorso a una proporzione per fotografare la situazione che si vive in quella parte di Africa: “Un medico ogni 30mila persone. Per curarsi bisogna percorrere chilometri e chilometri”.

Da: il Messaggero.it